Nessun settore può sfuggire alle leggi di mercato, nemmeno lo streetwear, è quindi normale che un oggetto a bassa tiratura e molto desiderato veda il suo prezzo schizzare alle stelle, ma facciamo un piccolo passo indietro. 

Lo streetwear, come dice la parola stessa, nasce dalla strada e da tutte quelle sotto culture che la popolavano e la popolano tutt’ora, ma con pochissimi soldi a disposizione, è cosi ad esempio che nascono le t-shirt lunghe fino alle ginocchia e i jeans baggies, semplicemente ereditando i vestiti dai fratelli maggiori. 

Negli ultimi anni la corrente si è invertita, l’abbigliamento street è stato sdoganato, l’attenzione della clientela è moltiplicata ed i prezzi sono schizzati alle stelle, ma non i prezzi di vendita, bensì quelli del reselling, una rivendita selvaggia e senza senso, applicata ad ogni articolo senza alcuna distinzione, con la consapevolezza che si venderà comunque. 

Probabilmente è più il compratore a favorire tutto ciò, ma quando la trattativa va in porto è un affare soprattutto per il repeller, improvvisato o meno che sia.

Le lamentele sui prezzi sono all’ordine del giorno, ma senza qualcuno disposto a pagare la ruota smetterebbe di girare e forse si tornerebbe un po’ più vicini all’origine dello streetwear, perché è un controsenso spendere migliaia di euro per vestirsi seguendo una corrente che nasce dalla povertà, nel momento in cui spendiamo 500€ per un paio di scarpe possiamo ancora parlare veramente di streetwear o probabilmente il gioco è cambiato e noi non ce ne siamo accorti?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.